Paure vintage, locandine horror di una volta

Paure vintage, locandine horror di una volta

Le locandine dei film, da qualche decennio, hanno pizzicato l’istinto dei collezionisti a caccia di autentiche rarità. E tali sono perché, spesso, manifesti e locandine venivano affissi sui muri o tabelloni pubblicitari all’aperto per poi essere rimossi senza troppi riguardi.

Scovare vecchie locandine in buono stato è una vera impresa, ma a conferire loro un certo fascino, è proprio l’aspetto vissuto. Soprattutto se a essere pubblicizzati sono i film horror di una volta, quando i mezzi a disposizione dei grafici erano sicuramente più limitati di oggi e ci si doveva ingegnare per far breccia nel pubblico.

Sarà un tuffo nel passato, tra gli anni ’30 e ’70,  per ammirare i celebri mostri della Universal come Frankenstein e Dracula o rivivere le inquietanti atmosfere de Il fantasma dell’Opera e di altre pellicole. Ecco quindi campeggiare su locandine dall’autentico sapore vintage, i nomi dei popolari attori Boris Karloff e Vincente Price. Senza dimenticare che il genere horror ha ispirato anche alcuni film comici come quelli della celebre coppia di attori Gianni e Pinotto.

La mostra sarà anche l’occasione per familiarizzare con la terminologia specifica di questo settore: locandine, fotobuste, lobby card, daybill, insert card e altri formati tipici del mercato cinematografico estero.

Il materiale esposto sarà una selezione della vasta collezione privata di locandine di Davide Decina che sul catalogo delle mostre di Etna Comics ci racconta qualche curioso aneddoto sui cimeli in esposizione.

Appuntamento dall’1 al 4 giugno ad Etna Comics: la calda estate sarà stemperata dai “brividi” dei film horror di una volta…

Fonte: Marco Grasso – Responsabile Artistico Area Mostre

Previous YouTube Alley 2017... la formazione completa!
Next Tuffatevi nella Mobile Gaming Zone di Etna Comics 2017!

About author

Valentina Mammino
Valentina Mammino 82 posts

Non riesco a ricordare un momento della mia infanzia che non sia stato accompagnato da una delle tante canzoni di Cristina D’Avena, che tante volte da bambina ho sognato di incontrare. Sono cresciuta con gli anime giapponesi degli anni ‘80, in particolare Holly e Benji, che mi ha trasmesso una passione smisurata per il calcio, di cui mi occupo ancora oggi che sono diventata giornalista. Oltre a curare l’Ufficio Stampa di Etna Comics, lavoro per l’emittente televisiva Sestarete, dove negli anni ho condotto diverse trasmissioni dedicate al Catania, gestendo al tempo stesso il tg sport. Sono anche vicedirettore della testata giornalistica sportiva online Itasportpress.it

View all posts by this author →

You might also like